Sostieni la cooperativa

  • Director1



    Se vuoi effettuare una donazione alla nostra cooperativa, per sostenere i progetti di supporto a nuclei in difficoltà o gli investimenti a favore di famiglie e giovani, puoi seguire le seguenti modalità:

  • Cooperativa Sociale onlus AI CONFINI

    Banca Popolare dell'Emilia Romagna

    Agenzia 1 di Mantova,

    IBAN: IT 58 T 05387 11501 000001163711

    Gli assegni bancari o circolari devono essere intestati a:
Cooperativa Sociale onlus AI CONFINI Viale Rinascita, 60 – 46028 SERMIDE (MN)

  • Per poter godere dei benefici fiscali dettati dal Dlg 460/97, cioè la possibilità di detrarre dai redditi le donazioni effettuate alla cooperativa, è necessario comunicare il nome e cognome del donatore, la residenza e il codice fiscale.
    La segreteria provvederà ad emettere regolare ricevuta e ad inviarla al donatore.
  • Si può sostenere la cooperativa anche con il versamento del 5 x mille: basta indicare la P. IVA al momento della dichiarazione dei redditi
    P.IVA: 02018470209

E' attiva la convenzione con le Università di Ferrara e Bologna per attività di TIROCINIO

Società Cooperativa Sociale “Ai Confini” – ONLUS

Ai Confini nasce nel novembre del 2002, dall’intenzione di alcune persone che hanno intravisto la possibilità di offrire opportunità di lavoro ai giovani della zona, tentando di offrire risposte ad un territorio nel settore dei servizi e, in particolare, nell’area minori, giovani, famiglie.

È una Cooperativa Sociale di tipo A; opera, quindi, nel settore educativo/animativo e lo fa attraverso progetti, interventi e iniziative rivolti alle comunità locali, secondo un approccio finalizzato a produrre cambiamento, uscendo da una logica assistenziale e considerando i destinatari del lavoro come soggetti portatori di progettualità autonome da accompagnare in un processo di sviluppo di competenze.

È un “laboratorio permanente”: uno spazo in cui ci si confronta, si prova, si cercano soluzioni, si sbaglia, si impara....ovvero si cresce, in modo consapevole, in autonomia e competenze.

Si colloca “ai confini” di tre regioni, di più comuni, di “aree sociali” che, generalmente, non vengono considerate “centrali”: i bambini, gli adolescenti, i giovani, le donne, lo straniero, il disagio, ecc.....
I territori “di confine” sono spazi in cui si lasciano cose e se ne trovano di nuove; i confini separano, ma possono anche promuovere incontri, scambi, interazioni, contaminazioni: sono i territori del possibile, i territori del cambiamento.

La partecipazione, la valorizzazione e la messa in rete delle risorse di ognuno, sono i principi di riferimento da cui scaturiscono le finalità istituzionali che guidano il nostro lavoro.
Una cooperativa sociale, per la sua stessa essenza, rappresenta un laboratorio privilegiato di educazione alla cittadinanza e alla democrazia e Ai Confini sta crescendo mantenendo una forte attenzione a tali valori, ribaditi anche dallo statuto, e nel rispetto di alcuni sostanziali principi: partecipazione democratica, professionalità e qualità nei servizi, attenzione ad ogni persona ed alle sue esigenze nella costruzione di percorsi di cambiamento, capacità di porsi quali interlocutori competenti con le istituzioni nel pensare alle politiche sociali di un territorio.

A partire dalle esigenze che una persona, o un territorio, o un'organizzazione esprime, Ai Confini si ripropone di promuovere benessere attraverso interventi che vedono gli “utenti” e il territorio tutto quali soggetti principali del proprio cambiamento.

Per “portare” benessere è necessario, innanzitutto, “star bene”; ed è per questo che diventa fondamentale essere attenti e raccogliere, in primis dagli operatori, desideri, sensibilità, interessi e creare opportunità lavorative in cui tutto questo possa trovare spazio. Ai Confini è diventata, così, realmente una “cooperativa”: dove le decisioni vengono condivise e il lavoro è “lavoro di squadra”, dove ci si confronta fra operatori e si cresce nel raffronto con esperienze esterne.

Scopo di una Cooperativa Sociale, che gli deriva direttamente dalla legge (381/91) è quello di: “perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini…”. Per rispondere a questo principio, e mantenendosi sempre aperta ed in “relazione” con il territorio di appartenenza e con le esigenze che lo stesso andava esprimendo, la cooperativa ha investito risorse economiche e di tempo per la realizzazione e la gestione di diversi servizi, attivati, spesso, con proprie risorse e grazie alla forte motivazione e impegno dei soci e degli operatori:

“Ai Confini” ha fatto la scelta di restare legata al territorio di appartenenza: per poter produrre non solo servizi, ma anche quel valore aggiunto che fa si che ci possa essere una ricaduta in termini di crescita e di benessere in tutta la comunità in cui opera.
Il territorio d'azione della cooperativa è, per il momento, il territorio in cui è nata, ossia il Piano di Zona del Distretto di Ostiglia e, in particolare, il Comune di Sermide e limitrofi: Carbonara, Magnacavallo, Ostiglia, Poggio Rusco, Pieve di Coriano, Quingentole, Quistello, San giacomo delle Segnate, Villa Poma.
Da due anni è iniziata una collaborazione con un Comune del Rodigino (Calto) per progetti di educativa domiciliare e di attività sull'extrascolastico.

Aiutaci a sostenere i nostri progetti: fai una donazione

CONTATTACI